Archive | Uncategorized RSS for this section

Dopo l’11 febbraio a Sturla contro le destre neonaziste alcune riflessioni.

16716080_718947111606946_7517546923970295980_o.jpg

Grazie all’ANPI, al suo appello e grazie a partiti, associazioni , movimenti e semplici cittadini che lo hanno raccolto, Roberto Fiore e i suoi camerati europei se hanno voluto parlarsi lo hanno potuto fare in un appartamento privato e protetti oltre il ragionevole da ingenti forze di polizia. Plauso anche al senso di responsabilità dell’ANPI che si è sottratta ai tentative di forzatura, a volte di provocazione e non escludo anche di tentativi di infiltrazione. Nonostante chi ha operato per una soluzione diversa, scontri e cariche non sono diventati la notizia e non hanno condizionato e tolto visibilità al vero protagonista: L’antifascismo Genovese e la sua capacità di risposta democratica.
Fatto salvo quanto detto sopra però alcune questioni ritengo doveroso porle: necessitava un Ministro degli interni del PD per consentire alla destra xenofoba, negazionista e razzista di venire sfidando, a Genova? Se quelle migliaia di persone sfilavano invocando l’applicazione della legge Scelba e la più recente Mancino, cos’ha tutelato il ministro non impedendo un evento sia pubblico che in privato in osservanza delle suddette leggi? Alcune Questure di frontiera come a Ventimiglia allontanano attiviste no borders che danno consulenza legale ai migranti definendole “pericolose per l’ordine e la sicurezza pubblica”. Quanto pericolosi sono per l’ordine e la sicurezza pubblica loschi figuri che sono antitetici ai valori fondanti della nostra Costituzione o negazionisti nei confronti dei crimini commessi dai nazisti nel secondo conflitto mondiale.
E’ talmente debole e irriverente nei confronti della città Medaglia d’oro al valor militare della Resistenza la posizione del Ministro, del Governo e conseguentemente gli organismi territoriali rappresentanti il governo che quello che doveva essere un evento “privato” grazie alla nostra “televisione di Stato” che si è prodigata nei servizi in casa dei fascisti facendo diventare a tutti gli effetti l’evento pubblico. Un emblematico esempio di tv spazzatura!
*nb. Grazie Sindaco Doria, grazie perchè ormai fuori dagli equilibri elettorali ha ritenuto che il suo posto fosse in mezzo alle persone che sabato manifestavano contro il ritorno di una cultura e pratiche nazi-fasciste nella nostra città.
Loris Viari

8 marzo – Donne e Costituzione

donne_costituzione

Il 2 giugno 1946 il suffragio universale e l’esercizio dell’elettorato passivo portarono per la prima volta in Parlamento anche le donne. Si votò per il referendum istituzionale tra Monarchia o Repubblica e per eleggere l’Assemblea costituente che si riunì in prima seduta il 25 giugno 1946 nel palazzo Montecitorio.
Su un totale di 556 deputati furono elette 21 donne: 9 della Democrazia cristiana, 9 del Partito comunista, 2 del Partito socialista e 1 dell’Uomo qualunque.
Alcune di loro divennero grandi personaggi, altre rimasero a lungo nelle aule parlamentari, altre ancora, in seguito, tornarono alle loro occupazioni. Tutte, però, con il loro impegno e le loro capacità, segnarono l’ingresso delle donne nel più alto livello delle istituzioni rappresentative.
Donne fiere di poter partecipare alle scelte politiche del Paese nel momento della fondazione di una nuova società democratica.
Per la maggior parte di loro fu determinante la partecipazione alla Resistenza. Con gradi diversi di impegno e tenendo presenti le posizioni dei rispettivi partiti, spesso fecero causa comune sui temi dell’emancipazione femminile, ai quali fu dedicata, in prevalenza, la loro attenzione.
La loro intensa passione politica le porterà a superare i tanti ostacoli che all’epoca resero difficile la partecipazione delle donne alla vita politica.

A queste donne, oggi 8 marzo, rivolgiamo un grato ricordo, con la volontà di riaffermare tutti i valori espressi nella nostra Carta Costituzionale

 

200px-AdeleBei Adele Bej
(Cantiano, 4 maggio 1904 – Roma, 15 ottobre 1976), è stata una sindacalista e politica italiana, membro dell’Assemblea costituente, senatrice e deputata del Partito Comunista Italiano

 

 

 

 

Nadia_gallico_spano Nadia Gallico Spano
(Tunisi, 2 giugno 1916 – Roma, 19 gennaio 2006) è stata una politica italiana, membro dell’Assemblea costituente italiana e deputato del Partito Comunista Italiano.

 

 

 

 

 

225px-NildeIotti Nilde Jotti
(Reggio nell’Emilia, 10 aprile 1920– Poli, 4 dicembre 1999), è stata una politica italiana, membro dell’Assemblea costituente italiana e deputato del Partito Comunista Italiano.prima donna a ricoprire la carica di Presidente della Camera dei deputati, nonché prima donna nella storia d’Italia a ricoprire una delle cinque più alte cariche dello Stato. Occupò lo scranno più alto di Montecitorio per tre legislature, dal 1979 al 1992, conseguendo un primato finora incontrastato nell’Italia repubblicana.

 

Teresa_mattei Teresa Mattei, detta Teresita
 (Genova, 1º febbraio 1921 – Usigliano, 12 marzo 2013), è stata una partigiana e politica italiana, parlamentare del Partito Comunista Italiano.Combattente nella formazione garibaldina Fronte della Gioventù (con la qualifica di Comandante di Compagnia) prese parte all’organizzazione dell’dell’uccisone del filosofo Giovanni Gentile. Fu anche la più giovane eletta all’Assemblea Costituente, dove assunse l’incarico di segretaria nell’Ufficio di Presidenza dell’Assemblea Costituente.

 

 

00006838 Angiola Minella,
(Torino, 3 febbraio 1920 – Torino, 12 marzo 1988), membro dell’Assemblea costituente italiana e parlamentare del Partito Comunista Italiano è stata una partigiana e politica italiana, esponente del PCI.

 

 

 

 

130px-Rita_Montagnana_1Rita Montagnana
(Torino, 6 gennaio 1895 – Roma, 18 luglio 1979) membro dell’Assemblea costituente italiana è stata una politica italiana, esponente e parlamentare del Partito Comunista Italiano

 

 

 

 

Teresa_Noce_2Teresa Noce
(Torino, 29 luglio 1900 – Bologna, 22 gennaio 1980) membro dell’Assemblea costituente è stata una partigiana, politica,antifascista italiana, parlamentare del Partito Comunista Italiano

 

 

 

 

 

Elettrapollastrini Elettra Pollastrini
(Rieti, 15 luglio 1906 – Rieti, 2 febbraio 1990) membro dell’Assemblea costituente è stata una politica italiana, parlamentare del Partito Comunista Italiano.

 

 

 

 

 

Mariamaddalenarossi Maria Maddalena Rossi
(Codevilla, 29 settembre 1906 – Milano, 17 settembre 1995) membro dell’Assemblea costituente è stata una politica italiana, parlamentare del Partito Comunista Italiano.

 

 

 

 

 

Laura_Bianchini Laura Bianchini
(Castenedolo, 23 agosto 1903 – Roma, 27 settembre 1983) membro dell’assemblea costituente è stata una politica e partigiana italiana, parlamentare della Democrazia Cristiana

 

 

 

 

 

Elsa_Conci Elisabetta Conci (detta Elsa)
(Trento, 23 marzo 1895 – Mollaro, 1º novembre 1965) membro dell’assemblea costituente è stata una politica italiana, parlamentare della Democrazia Cristiana

 

 

 

 

FilomenadellicastelliFilomena Delli Castelli
(Città Sant’Angelo, 28 settembre 1916 – Pescara, 22 dicembre 2010) membro dell’assemblea costituente è stata una politica italiana, parlamentare della Democrazia Cristiana

 

 

 

 

Maria_De_Unterrichter_JervolinoMaria De Unterrichter Jervolino
(Ossana, 20 agosto 1902 – 27 dicembre 1975) membro dell’assemblea costituente è stata una politica italiana, parlamentare della Democrazia Cristiana

 

 

 

 

MariafedericiagambenMaria Federici Agamben
(L’Aquila, 19 settembre 1899 – Roma, 28 luglio 1984) membro dell’assemblea costituente è stata una politica e partigiana italiana, parlamentare della Democrazia Cristiana

 

 

 

 

Angela_Gotelli Angela Gotelli
(Albareto, 28 febbraio 1905 – Albareto, 21 novembre 1996) membro dell’assemblea costituente è stata una politica e partigiana italiana, parlamentare della Democrazia Cristiana

 

 

 

Angela_Maria_Guidi_Cingolani Angela Maria Guidi
(Roma, 31 ottobre 1896 – Roma, 11 luglio 1991) membro dell’assemblea costituente è stata una politica italiana, parlamentare della Democrazia Cristiana

 

 

 

 

images Maria Nicotra Verzotto
(Catania 6 luglio 1913 – 15 luglio 2007) membro dell’assemblea costituente è stata una politica italiana, parlamentare della Democrazia Cristiana

 

 

 

 

Vittoria_Titomanlio Vittoria Titomanlio
(Barletta, 22 aprile 1899 – Napoli, 28 dicembre 1988) membro dell’assemblea costituente è stata una politica italiana, parlamentare della Democrazia Cristiana

 

 

 

Lina_Merlin Angelina Merlin (Lina)
(Pozzonovo, 15 ottobre 1887 – Padova, 16 agosto 1979)

membro dell’assemblea costituente è stata una politica e partigiana italiana, parlamentare del Partito Socialista

 

 

 

d6880Bianca Bianchi
(Vicchio, 31 luglio 1914 – 9 luglio 2000) membro dell’assemblea costituente è stata una politica e antifascista italiana, parlamentare del Partito Socialista Italiano, Partito Socialista Lavoratori Italiano

 

 

 

Ottavia_penna_buscemi Ottavia Penna
(Caltagirone, 12 aprile 19072 dicembre 1986) membro dell’assemblea costituente è stata una politica italiana, parlamentare del Fronte dell’Uomo Qualunque

Analisi del 2015

I folletti delle statistiche di WordPress.com hanno preparato un rapporto annuale 2015 per questo blog.

Ecco un estratto:

Un “cable car” di San Francisco contiene 60 passeggeri. Questo blog è stato visto circa 1.200 volte nel 2015. Se fosse un cable car, ci vorrebbero circa 20 viaggi per trasportare altrettante persone.

Clicca qui per vedere il rapporto completo.

Fare Outing con l’arte

“Con il vostro telefono, fotografate ritratti di persone anonime sui muri dei musei, stampateli e trasferiteli sui muri della strada. Nessuno li guarda davvero nelle loro cornici.
Piccoli. Secondari. Dimenticati. Decisamente anonimi. Quasi morti.
Riportiamoli in vita nel nuovo mondo. Dove ora hanno tutto il tempo per guardaci.”

Si presenta così il progetto Outing nato dall’idea del creativo francese Julien de Casabianca che già sta raccogliendo numerose adesioni da tante città europee e del mondo.
La finalità è quella di rendere i capolavori dell’arte, in particolar modo ritratti di personaggi anonimi dimenticati, fruibili e visibili da tutti facendoli uscire dai soliti ambienti museali per trasferirli direttamente sulle nostre strade.

1 Parigi

Parigi

 Così se stiamo visitando una mostra e un dipinto cattura la nostra attenzione possiamo fotografarlo, se la prospettiva è distorta correggerlo per esempio con photoshop trasformandolo in formato CMYK (che è quello usato per la stampa), e se non siete in grado di stamparlo da soli potete inviare lo scatto modificato ad Outings che provvederà a farlo per voi (per una cifra che va dai 20 ai 40 dollari) per consentirvi di affiggerlo sui muri della città.

Parigi

Parigi

Qualcuno si chiederà se l’operazione è legale. Pare che la colla con cui vengono fatti aderire ai muri non danneggi le superfici. Per essere più sicuri di non essere perseguiti si possono cercare pareti non particolarmente curate. Tutte le informazioni specifiche vengono rilasciate sul sito ad esso dedicato Outings Project.
Se volete vedere quelli realizzati fino ad ora andate nella pagina galleries dove troverete una mappa interattiva che segnala i vari siti in giro per il mondo.

Barcellona

Barcellona

Oltre a portare l’arte allo scoperto e ad abbellire le nostre metropoli il progetto consente anche a chi non è prettamente un artista di sentirsi coinvolto in un’operazione di vera e propria “urban art”.

Padova

Padova

A mio parere in Italia non avrà molto successo. La modalità operativa, benché parta da una base acculturata di fruitori di mostre e musei, cosa risaputa di un’età piuttosto avanzata, si ispira e adotta le tecniche proprie degli street artists. Insomma non ce lo vedo un cinquantenne, con figli e moglie a casa ad aspettarlo uscire dal lavoro carico di problemi quotidiani, andarsi a cercare una parete su cui intervenire, attendere l’ora in cui le strade sono poco frequentate, che equivale a notte inoltrata, armarsi di colla e carta per posare in tutta fretta, per non essere visto, il ritratto di un benemerito sconosciuto di 100/200/300 e più anni fa. E i giovani? Ammesso che abbiano a disposizione dai 20 ai 40 dollari per comprare il manifesto, che potrebbe essere rimosso anche il giorno successivo, credete che siano veramente interessati a esportare un concetto di arte antica invece di essere essi stessi promotori di un nuovo stile di comunicazione visiva?

Madrid

Madrid

L’idea di Outing Project non mi dispiace affatto ma personalmente se dovessi rischiare di prendere anche solo una multa vorrei che il mio gesto potesse portare all’attenzione della gente almeno un messaggio sociale. Auspico che le nuove generazioni si facciano portatrici di un’avanguardia artistica, che alla mia età potrei anche non capire, ma che sia idonea a rompere gli schemi sociali per dare voce e farsi pubblica comunicazione di quel malessere che avvolge tutta la nostra umanità. E per fare ciò non si deve essere inseriti in nessun tipo di progetto ma deve nascere dal più profondo della nostra anima.

Paola Mangano

Padova

Padova

Padova

Padova

Parigi

Parigi

 

 

Audizione di Carmine Schiavone ottobre 1997 – desecretata il 31ottobre 2013

clicca sull’immagine per visualizzare il pdf completoVerbale

giornali di ieri e titoli d’oggi

come modificare la legge sull’illecito finanziamento ai partiti….. a partitum

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: